Logo ADI Toscana  
Logo ADI Toscana
 
ADI Toscana ADI News   ADI Members   ADI Services   ADI Awards   ADI Resources
   
ADI News     Calendario Incontri ADI  |  Eventi  |  Concorsi  |  News  |  Contributi  |  Newsletter
Ulteriori documenti, servizi ed informazioni sono disponibili nell'AREA RISERVATA SOCI 
 

 

 
 
 
vai al web dell'ADI Nazionale
 
no_image

  10/04/2009
Paolo Ulian in mostra alla Fabbrica del Vapore di Milano
 Beppe Finessi






Paolo Ulian 1990-2009 è la prima mostra monografica dedicata al designer toscano, presentata da Careof e Viafarini a Milano presso la Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4, dal 22 aprile al 2 maggio 2009 in occasione del Salone del Mobile 2009.
Erede dei maestri della grande stagione del design italiano (come Bruno Munari, Achille Castiglioni, Angelo Mangiarotti, Vico Magistretti, Enzo Mari) e, a sua volta, riferimento, per coerenza estro e capacità, della nuova generazione di progettisti, Ulian è considerato dalla critica tra i più significativi designer dei nostri giorni.
La sua è un’opera ventennale ricca di collaborazioni significative (da Driade a Progetti, da Bieffeplast a Zani&Zani, da FontanaArte a Seccose, da Coop Italia a BBB emmebonacina), e protagonista nei luoghi della ricerca e della sperimentazione (da Opos al SaloneSatellite, da Droog Design a Galleria Luisa Delle Piane).

Di seguito pubblichiamo il commento del curatore della mostra Beppe Finessi.

«Un agire puro e libero, lontano dalle logiche di mercato, centrato su alcuni fili rossi ricorrenti, particolari territori d’affezione praticati con continuità, con spontanea e naturale attenzione e dedizione:

  • Osservare i comportamenti e farne derivare nuove tipologie di prodotto.

  • «Se non siete curiosi cambiate mestiere» era il verbo del grande giocoliere del design, Achille Castiglioni. Guardare a come le persone vivono, si muovono, si atteggiano, compiono quel dato gesto per fare quella certa cosa è un modo intelligente ed efficace per immaginare «nuovi» prodotti destinati a «nuove» funzioni. Così una piastrella per il rivestimento dei bagni pubblici il cui decoro a righe, come quello del più classico dei quaderni, è un invito «ordinato» alle scritte clandestine (Pagina, Opos, 2001). Così un tappetino per il bagno con ciabatte integrate per muoversi quasi «attinando» dopo la doccia (Mat-walk, Droog Design, 2004). Così un biscotto da «indossare» per infilare liberamente il dito nel vaso di Nutella (Finger biscuit, Ferrero, 2004-2006).


  • Sentire come un dovere etico, quasi un principio morale, l’attenzione al riciclo e al recupero dei materiali di scarto da altre lavorazioni, e rivederli in altri usi, intelligentemente portati a nuova vita.

  • Elementi di marmo diventano lampade (Parabolica, 1992), contenitori (Portafrutta, 1992) e oggetti d’uso per la cucina, come un tagliere (Bat-tagliere, Galleria Luisa Delle Piane, 1999); mentre bottiglie di plastica possono diventare appendiabiti (Dune, Opposite, 1998) o moduli costruttivi di un paravento (Accadueò, 1996).


  • Sfidare la tradizione che ha prodotto spesso oggetti monofunzionali, e arrivare così a delineare un nuovo dizionario di presenze con più anime, e quindi più funzioni.

  • Un coltello da cucina con una doppia lama per differenti usi, Pane e salame, Zani & Zani, 1999; un appendiabiti con svuotatasche, Bowl, Fontana Arte, 2003; un lavabo con cestino incorporato, Tandem, Azzurra Ceramica, 2008.


  • Inseguire spesso invenzioni produttive/costruttive, figlie di un sapere quasi ingegneristico ma reso più soft da un fare più artigianale, che hanno reso possibili costruzioni semplicemente geniali ma incredibilmente comprensibili.

  • Un appendiabiti da parete costruito con moduli di compensato marino che opportunamente forati assumono la conformazione d’uso dopo essere stati inseriti in un binario di alluminio che li ospita, Flex, Opos, 1995; una lampada da tavolo il cui paralume è una elastica cuffia da piscina che mantiene in tensione la semplice struttura metallica che la sostiene, Palombella, 2000; un paravento costruito con due sottili fogli di compensato abbinati che compressi meccanicamente sui lati verticali assumono una conformazione curvilinea che lo rende autoportante, Up, BBB emmebonacina, 2001.


  • Senza dimenticare un’attenzione alla valenza scultorea degli oggetti, perché anche le presenze intorno alla nostra quotidianità hanno il “diritto” alla bellezza oltre la necessaria funzionalità, e nel caso di Ulian questa capacità espressiva è figlia di rara sensibilità.

  • Paravento in cartone ondulato, tra i primi, felicissimi e originali cimenti del nostro, 1990; Portauovo in tondino metallico, 2000; collezione di vasi Cardboard vase, 2009.


  • Certo, inserire una sana dose di humour in molti gesti, tra provocazione, sorriso e sberleffo

  • Un metro realizzato in cioccolato, Golosimetro, Eurochocolate, 2002-2009; un incarto per bottiglia realizzato con un foglio di giornale scelto per il messaggio politico del giorno, La folle guerra di Bush – per la mostra Messagge on the bottle, 2007; un paio di ciabatte da spiaggia che lasciano la scritta «who loves me follow me» come impronta sulla sabbia, Print, Sensi & C, 2001.


    Un’opera limpida, evidentemente originale, sempre riconoscibile, spesso spiazzante per risultati lontani da qualsiasi episodio precedente o coevo. Uno dei pochi autori italiani della sua generazione, il cui talento brilla, serenamente e fieramente, vicino a quello di Morrison, Grcic, Bouroullec, Newson, Campana, che tutti riconosciamo e amiamo.»

    BF 2009



    Paolo Ulian. Nasce a Massa nel 1961. Si forma all’Accademia di Belle Arti di Carrara dove segue i corsi di pittura di Getulio Alviani e Luciano Fabro, quindi si iscrive all’I.S.I.A. di Firenze dove si diploma in industrial design nel 1990. Lo stesso anno è a Milano per lavorare con Enzo Mari. Collabora con lui fino al 1992 per poi iniziare la propria attività insieme al fratello Giuseppe. Espone in numerose mostre in italia e all’estero e vince alcuni premi internazionali come il Design for Europe Award, il Design Report Award, il premio Dedalus. Ha collaborato con Driade, Bieffeplast, FontanaArte, Luminara, Zani & Zani, BBB emmebonacina, Sensi&C., Droog Design, Coop Italia, Azzurra Ceramica, Skitsch.

    Beppe Finessi. Ferrara, 1966. Architetto, svolge attività didattica (ricercatore al Politecnico di Milano, dove insegna Architettura degli interni, Design e arti contemporanee e Allestimento), critica (dal 1996 al 2007 è stato redattore per il design di Abitare) e di ricerca (continuando a «imparare dall’arte», cercando di «vedere l’arcobaleno di profilo» e non dimenticandosi di «alleggerire»). Da alcuni anni si occupa dell’opera dei grandi maestri del design italiano (Bruno Munari, Vico Magistretti, Angelo Mangiarotti, Alessandro Mendini) e di alcuni nuovi protagonisti della scena internazionale, come Fabio Novembre e Martí Guixé.


    Paolo Ulian 1990-2009
    inaugurazione: 22 aprile 2009, ore 20.00
    22 aprile - 2 maggio 2009
    Fabbrica del Vapore
    via Procaccini 4 - 20154 Milano

    Careof
    phone +39 02 3315800
    careof@careof.org
    www.careof.org

    Viafarini
    phone +39 02 66804473
    viafarini@viafarini.org
    www.viafarini.org



     IMAGE GALLERY 


    Paolo Ulian, Vaso Vago, 2008, Up-Group Paolo Ulian, Tandem - lavabo, 2008, Azzurra Ceramiche Paolo Ulian, Matriosca - poltroncina, 2008, Modello Paolo Ulian, Cuccia da viaggio, 2008, Modello

    Paolo Ulian, Vasi Rosae, 2009, Edizione limitata Paolo Ulian, Lampada-vaso, 2009, Skitsch Paolo Ulian, Panchetta estensibile in alluminio, 2009, Officinanove Paolo Ulian, Vasi  Cardboard, 2009, Skitsch


     
         

     
    ADI News / Legenda


     Mostre/Concorsi







    ADI :: via Bramante 29 - 20154 Milano | Delegazione Toscana: via Vittorio Emanuele 32 - 50041 Calenzano (FI) - info@aditoscana.it