Logo ADI Toscana  
Logo ADI Toscana
 
ADI Toscana ADI News   ADI Members   ADI Services   ADI Awards   ADI Resources
   
ADI News     Calendario Incontri ADI  |  Eventi  |  Concorsi  |  News  |  Contributi  |  Newsletter
Ulteriori documenti, servizi ed informazioni sono disponibili nell'AREA RISERVATA SOCI 
 

 

 
 
 
vai al web dell'ADI Nazionale
 
no_image

  07/02/2014
Fuoricorso a Palazzo Paolina
 20 febbraio | 18.00 | Viareggio - Lucca
 20 febbraio - 9 marzo 2014







Arte (Bruno Larini, Vittore Baroni, Carlo Galli), design (Massimo Giacon, Gumdesign, Maria Christina Hamel, Mac Design, Superstudio, Hannes Wettstein) e fotografia (Matteo Cirenei) sono i temi in mostra a palazzo Palazzo Paolina a Viareggio dal 20 febbraio al 9 marzo 2014 in occasione della edizione zero di Fuoricorso: il colore nell'interpretazione trasversale dell'anima carnevalesca ideato (art direction e grafica) da Gumdesign e organizzato dallo studio viareggino in collaborazione con la Fondazione Carnevale Viareggio.

Il carnevale è una manifestazione che fornisce un fondamentale contributo alla vita culturale ed economica della città di Viareggio da oltre un secolo. Si tratta di uno dei più grandi eventi in Italia ed attira ogni anno numerose centinaia di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.
La città si trasforma e per un mese intero diventa un luogo magico, maschere e grandi carri allegorici fanno vivere il famoso viale a mare; Viareggio diventa il fulcro dell'intera Versilia ed attrae energie vitali e creative, pronte a sperimentare nuove strade.

In questo panorama di rilievo internazionale abbiamo deciso di introdurre un tessuto trasversale e collaterale che diffonda la "cultura del carnevale" utilizzando altre visioni ed altri punti di vista.
FUORICORSO affronta i temi dell'arte, del design, del cinema, della fotografia, dell'artigianato e dell'industria per valorizzare, con le stesse connotazioni di base del carnevale, proprio la manifestazione principe: la sfilata dei carri allegorici.

Nasce nel 2014 con l'edizione zero, concentrata a Palazzo Paolina; importanti realtà creative e sperimentali oltre ad espressioni della miglior industria italiana si confrontano sul tema del colore, uno degli ingredienti fondamentali dell'anima carnevalesca.

Nelle edizioni dei prossimi anni l'evento si estenderà sul territorio ed occuperà spazi pubblici e privati per ridare ai luoghi una valenza fondamentale, condivisa e partecipata. Mostre, conferenze, proiezioni, performance, workshop, temporary shop e quant'altro necessario saranno coordinate per costituire un nuovo panorama culturale per il Carnevale di Viareggio e per rivitalizzare aree urbane importanti per la città.

Gli spazi a disposizione saranno selezionati nel centro storico ed andranno a costituire un "fuori Carnevale", un evento collaterale che farà vivere la città tutti i giorni durante il mese carnevalesco. Obiettivo della manifestazione sarà comunicare la città di Viareggio come punto di riferimento per la creatività italiana, la più irriverente e dissacrante, giocosa e gioiosa, ironica e "colorata". Una vera e propria operazione di marketing territoriale che vuole presentare le eccellenze nelle sue forme tradizionali ed innovative; un vero e proprio progetto culturale che ha come primo obiettivo la valorizzazione della manifestazione e della città di Viareggio.

I designer

In questa edizione zero sono stati coinvolti marchi storici del design italiano tra cui Giovannetti Collezioni, Mac Design, Maxdesign, Superego, Upgroup e designer di fama nazionale ed internazionale come Massimo Giacon, Gumdesign, Maria Christina Hamel, Mac Design, Superstudio, Hannes Wettstein.

Una serie di installazioni di grande rilievo storico e progettuale come:

  • la seduta componibile “Bazaar” del 1968 disegnata da Superstudio per Giovannetti Collezioni e che si presenta con elementi componibili a forma anatomica con struttura in poliestere rinforzato in fibra di vetro ed imbottitura in poliuretano espanso, rivestimento in pelliccia acrilica;
  • le installazioni luminose “Fuoco” in maiolica e neon di Maria Christina Hamel, sorprendenti e visionarie nella loro semplicità formale;
  • le sedute “Stratos” di Hannes Wettestein per Maxdesign che giocano con le geometrie ed i colori in una piega ergonomica e funzionale;
  • i “Soggetti Smarriti” di Gumdesign per Upgroup, oggetti poetici e concettuali appena selezionati dalla Triennale per la prossima esposizione del Museo del Design a Milano;
  • il prototipo “Scooter 250cc” in fase di elaborazione e studio di Mac Design per il mercato cinese in un raro esempio di perfezione stilistica;
  • le sculture ceramiche oniriche, dissacranti, provocatorie come “Pop Ganesh” di Massimo Giacon per Superego in un gioco di contrasti cromatici e concettuali.
Gli artisti contemporanei

Vittore Baroni, uno dei più importanti esponenti della Mail Art nel mondo che espone una sua installazione dedicata a G. A. Cavellini, una mostra nella mostra dal titolo “G.A. Cavellini 1914-2014 - I Francobolli del Centenario” con oltre 100 francobolli d'autore dedicati al centenario dell'artista che si celebra proprio nel 2014. Un'opera unica e dinamica che ricerca la partecipazione del pubblico e lo coinvolge attivamente.

Bruno Larini presenta l'opera dal titolo "Childhood", un lavoro provocatorio sulle mutazioni genetiche, l'infanzia e l'innocenza calpestata. Un'installazione che comprende un video, quattro sculture ricche di colore di bambini mutanti a grandezza naturale che si soffermano in cerchio davanti a un vecchio televisore attratti da una trasmissione che trasmette canzoncine per bambini, riscoprendo l'innocenza e la purezza perduta. Un'atmosfera drammatica che si compenetra alla rinascita e ad un ritorno di speranza ed umanità.

Carlo Galli riflette invece sul nome della mostra e su un'osservazione quotidiana: i ragazzi senegalesi che allestiscono bancarelle spontanee fuori dai corsi mascherati. Allestimenti abusivi come moduli creativi che creano giochi di colore e forme costituiscono l’installazione “Stand”.

I fotografi

Matteo Cirenei produce una ricerca fotografica in bianco e nero sull'architettura, fotografando gli edifici più importanti delle città italiane ed europee con tagli grafici che esaltano proporzioni e linee prospettiche come accade in “Palazzo della civiltà italiana a Roma”; un lavoro supportato da Fotonomica, realtà innovativa che utilizza un nuovo modello dinamico di galleria di fotografia d'autore online.

Da segnalare, infine, il logo di Fuoricorso, ideato e progettato da Laura Fiaschi di Gumdesign, che gioca su alcuni aspetti emozionali e definiti nella memoria collettiva, ovvero sulla “segnaletica” e sul contenuto concettuale della parola.


Fuoricorso - edizione zero
20 febbraio | 18.00 | Viareggio - Lucca
21 febbraio - 9 marzo 2014 | 15.30-19.30 (escluso lunedi)
Palazzo Paolina, via N. Machiavelli 2 - Viareggio
http://www.gumdesign.it/fuoricorso.html
https://www.facebook.com/groups/1383683751891971/



 IMAGE GALLERY 


Il logo di Fuoricorso ideato e progettato da Laura Fiaschi di Gumdesign


 
     

 
ADI News / Legenda


 Mostre/Concorsi







ADI :: via Bramante 29 - 20154 Milano | Delegazione Toscana: via Vittorio Emanuele 32 - 50041 Calenzano (FI) - info@aditoscana.it